Celebrazioni per il V Centenario della laurea di Niccolò Copernico a Ferrara

Nel mese di ottobre 2002 rappresentanti del Circolo Culturale Italo-Polacco in Lombardia si sono incontrati con il Pro-Rettore della Università di Ferrara Prof. Gian Guido Balandi, con il Prof. Pier Andrea Borea e il Dott. Andrea Maggi per coordinare e organizzare una serie di interventi per celebrare il V Centenario della laurea in Diritto Canonico di Niccolò Copernico, ottenuta nel 1503 presso l’Ateneo ferrarese.

L’Università ha organizzato, nel periodo dal 9 maggio al 13 giugno 2003, numerose mostre, convegni e conferenze, con la partecipazione di accademici e scienziati da tutto il mondo.

Il Circolo ha proposto, con il patrocinio del Senato della Repubblica di Polonia, la posa di una targa commemorativa in lingua italiana e polacca all’interno dell’Università.

Il 31 maggio, giorno dell’anniversario della laurea di Copernico, il Rettore Prof. Conconi, alla presenza del Senato Accademico riunito nell’Aula Magna, ha aperto la cerimonia commemorativa.

Nella sua allocuzione, ha affermato, tra l’altro “Il 31 maggio 1503 Niccolò Copernico conseguiva la laurea in diritto canonico presso l’Università di Ferrara. L’Università di Ferrara ha reso omaggio a Copernico in più occasioni.

Nel 1965 nel nome di Copernico si svolse la cerimonia del gemellaggio con l’Università di Toruń, città natale dell’illustre astronomo, alla presenza dell’arcivescovo di Cracovia Karol Wojtyła.

Nel 1973 il Comune e l’Università di Ferrara festeggiarono insieme i cinquecento anni della nascita di Copernico.

Nel 1993, in occasione delle celebrazioni del 450° anniversario della morte di Copernico e della pubblicazione del De Revolutionibus orbium coelestium, il suo ruolo centrale nella storia della cultura scientifica era solennemente affermato in una lettera di Giovanni Paolo II al Rettore dell’Università di Ferrara.

Quest’anno sono previste diverse manifestazioni per onorare questa ricorrenza importante che testimonia l’interesse europeo verso lo Studio Ferrarese tra Quattrocento e Cinquecento. In questo periodo la Città estense, una delle capitali del Rinascimento, seppe creare condizioni ottimali per l’attività intellettuale dell’epoca ed attrarre studenti e studiosi europei.

La Prof. Margherita Hack ha poi tenuto una conferenza sul tema Sviluppi dell’astronomia da Copernico e Galileo ad oggi.

Erano presenti il Senatore Tadeusz Rzemykowski, il Consigliere dell’Ambasciata di Polonia a Roma, Maria de Rosset-Borejsza, il Console Generale di Polonia a Milano, Maria Olszańska, il Direttore dell’Accademia delle Scienze Polacche a Roma Prof. Krzysztof Żaboklicki, il Console Onorario della Polonia a Bologna Comm. Corrado Salustro, le autorità civili e militari della Provincia di Ferrara.

In una simpatica atmosfera di amicizia, tra il Rettore Prof. Conconi e il Sen. Rzemykowski sono state scambiate le medaglie ricordo.

Alle ore 13.00, ha avuto luogo la cerimonia della posa della targa ricordo, dono del Senato Polacco, nel porticato del Palazzo Renata di Francia.

Barbara Głuska Trezzani